La percezione della città nella letteratura italiana della migrazione

Variant title
The perception of the city in the Italian literature of migration
Source document: Études romanes de Brno. 2016, vol. 37, iss. 2, pp. 17-30
Extent
17-30
  • ISSN
    1803-7399 (print)
    2336-4416 (online)
Type
Article
Language
Italian
License: Not specified license
Abstract(s)
L'ambiente urbano nella letteratura italiana della migrazione è stato esaminato quasi sempre in chiave interculturale. Dall'esame delle relazioni tra migranti e città nei romanzi prodotti negli ultimi vent'anni emergono una serie di strategie il cui studio permetterebbe di superare un'interpretazione interculturalista dei testi in questione. Gli scrittori migranti, attraverso i percorsi urbani dei loro personaggi e le cosiddette geografie sensoriali, cercano di rendere le differenze percettive, intese come differente maniera di categorizzare i dati sensoriali. Tale differenza, tuttavia, può essere soltanto proclamata e mai davvero descritta. In altre parole, la rappresentazione esibisce una vera e proprio retorica della differenza, lo studio della quale permette di mettere in luce parte dell'ideologia latente della letteratura italiana della migrazione.
The urban environment in the Italian literature of migration has almost always been examined from an intercultural perspective. The examination of the relationship between immigrants and cities in the novels produced in the last twenty years reveals a number of strategies, the study of which helps us overcome the interculturalist interpretation of this kind of text. Migrant writers, through the urban routes of their characters and the so-called sensory geographies, try to communicate perceptual differences, understood as different ways to categorize sensory data. Such differences, however, can only be proclaimed, but never really described. In other words, the representation shows a real rhetoric of difference, the study of which allows us to highlight a part of the hidden ideology in the Italian literature of migration.
Document
References:
[1] Ali Farah, U. C. (2007). Madre Piccola . Milano: Frassinelli.

[2] Baron, C. (2011). Littérature et géographie : lieux, espaces, paysages et écritures . Fabula-LhT [on line], 8. In: http://www.fabula.org/lht/8/baron.html

[3] Broasseau, M. (2006). Des romans-géographes. Essai . Paris: L'Harmattan.

[4] Buonanno, F. (2014). Percorsi urbani nella letteratura di migrazione italiana . Line@editoriale [on line], 6. In: http://e-revues.pum.univ-tlse2.fr/sdx2/lineaeditoriale/article.xsp?numero=6&id_article=article_003–576.

[5] Cauquelin, A. (1977). La ville la nuit . Paris: PUF.

[6] Cristan, M. (2007). (fanculopensiero) . Milano: Feltrinelli.

[7] De Caldas Brito, C. (2004). Qui e là. Racconti . Isernia: Iannone.

[8] De Rubeis, R. J., Webb, C. A., Tang, T. Z., & Beck, A. T. (2010). Cognitive therapy . In: K. S. Dobson (Ed.), Handbook of cognitive-behavioral therapies (pp. 227–316). New York: The Guilford press.

[9] Di Méo, G. (1998). Géographie sociale et territoires . Paris: Nathan.

[10] Fernàndez, M. (2007). L'argonauta . Napoli: Di Salvo.

[11] Fortunato, M., & Methnani, S. (2006). Immigrato . Milano: Bompiani.

[12] Foucault, M. (1966). Les mots et les choses. Une archéologie des sciences humaines . Paris: Gallimard.

[13] Gangbo, J. M. (1999). Verso la notte Bakonga . Torino: Lupetti e Fabiani.

[14] Gangbo, J. M. (2005). Com'è se giù vuol dire K.O? In: I. Scego (Ed.), Italiani per vocazione (pp. 137–185). Milano: Cadmo.

[15] Khouma, P., Pivetta, O. (1990). Io, venditore di elefanti. Una vita per forza fra Dakar, Parigi e Milano . Milano: Garzanti.

[16] Kubati, R. (2002). M . Nardò (LE): Besa.

[17] Kubati, R. (2005). Alla ricerca dell'altrimenti: Va e non torna e M . In: A. Gnisci (Ed.), Allattati dalla lupa. Scritture Migranti (pp. 49–65). Roma: Sinnos.

[18] Lefebvre, H. (2009). Le droit à la ville . Paris: Economica.

[19] Lévi-Strauss, C. (1968). Mythologiques III. L'origine des manières de table . Paris: Plon.

[20] Melliti, M. (1992). Pantanella. Canto lungo la strada . Roma: Lavoro.

[21] Mengozzi, C. (2008). Città e modernità: nuovi scenari urbani nell'immaginario della letteratura italiana della migrazione . In: C. Gurreri, A. M. Jacopino, & A. Quonadam (Eds.), Moderno e modernità: la letteratura italiana, XII congresso nazionale dell'ADI [on line]. Roma: Università La Sapienza. In: http://www.italianisti.it/fileservices/Mengozzi%20Chiara.pdf.

[22] Mengozzi, C. (2013). Narrazioni contese. Vent'anni di scritture italiane della migrazione . Roma: Carocci.

[23] Papotti, D. (2011). L'approccio geografico alla letteratura dell'immigrazione. Riflessioni su alcune potenziali direzioni di ricerca . In: F. Pezzarossa, & I. Rossini (Eds.), Leggere il testo ed il mondo. Vent'anni di scrittura della migrazione in Italia (pp. 65–84). Bologna: CLUEB.

[24] Pezzarossa, F. (2011). Altri modi di leggere il mondo. Due decenni di scritture uscite dalle migrazioni . In: F. Pezzarossa, & I. Rossini (Eds.), Leggere il testo ed il mondo. Vent'anni di scrittura della migrazione in Italia (pp. vii-xxxiii). Bologna: CLUEB.

[25] Ponzanesi, S. (2007). Città immaginarie. Spazio e identità nella letteratura italiana dell'immigrazione . In: R. Lumley, & J. Foot (Eds.), Le città visibili. Spazi urbani in Italia, culture e trasformazioni dal dopoguerra a oggi (pp.189–199). Milano: Il Saggiatore.

[26] Puglisi, G., & Proietti, P. (2002). Le città di carta . Palermo: Selleirio.

[27] Sansot, P. (2004). Poétique de la ville . Paris: Petite Bibliothèque Payot.

[28] Scego, I. (2005). D . In: Pecore nere (pp. 5–21). Bari: Laterza.

[29] Scego, I. (2008). Oltre Babilonia . Roma: Donzelli.

[30] Tawfik, Y. (2006). Il profugo . Milano: Bompiani.

[31] Tawfik, Y. (2007). La Straniera . 3 ed. Milano: Bompiani.

[32] Vorpsi, O. (2007). La mano che non mordi . Torino: Einaudi.

[33] Zarmandili, B. (2007). L'estate è crudele . Milano: Feltrinelli.